Mission

 

Realizzazione di un film lungometraggio a soggetto, con diffusione nelle sale, in VOD e annessi dibattiti pubblici per discutere la tematica del fine vita, della medicina delle cure palliative, dell’accompagnamento e dell’elaborazione del lutto. Abbiamo verificato che lo strumento più penetrante ed efficace per promuovere la cultura dell’accompagnamento, che garantisce la qualità della vita fino agli ultimi giorni, è il cinema. Pertanto stiamo costruendo una cordata di partner che appoggino questa iniziativa che ha sostanzialmente un valore sociale, che oggi sempre più necessità di momento d’incontro pubblici. Il film è il risultato di una lunga attività relativa all’argomento, condotta dal regista e dall’Associazione KINEO fin dal 2000, quando in Italia c’era soltanto l’Hospice Domus Salutis di Brescia. Anche grazie a quel documentario, che all’epoca era il primo in Italia, girato per promuovere le cure palliative e l’avvallo della legge 38, oggi gli Hospice e i centri per la terapia del dolore sono 500. C’è però ancora un lungo cammino da fare per sensibilizzare le persone su questo argomento tabù che, purtroppo, tocca chiunque. In questo nuovo film, che è una commedia, lieve e poetica, ci occuperemo non solo dell’accompagnamento ma anche dell’elaborazione del lutto, che è un argomento molto sottovalutato. Il nostro scopo è che l’opera, che sarà a disposizione anche dei nostri partner, sia un utile strumento per aiutare chi affronta questo momento così doloroso della vita, qual è il salutare un proprio caro. Siamo convinti che investire su questa tematica sia centrale rispetto alla nuova Cultura del Sociale. Finora abbiamo visto dei film legati a temi scandalistici che poco hanno dato a questo tipo d’intento che non è di abbreviare artificialmente la vita del paziente ma al contrario di consentirgli di vivere con pienezza, fino alle ultime ore della sua esistenza.